Istituto Comprensivo "L. Radice Pappalardo" > Attività scuola 18-19 > La Festa dell’Albero a Castelvetrano
Ultima modifica: 23 gennaio 2019

La Festa dell’Albero a Castelvetrano

Un’occasione per riscoprire le aree verdi del nostro paese

Festa dell'Albero (1) Festa dell'Albero (2) Festa dell'Albero (4) festa-albero_001 festa-albero_002 festa-albero_003 festa-albero_004

Come ogni anno la tradizionale Festa dell’albero di Legambiente viene celebrata a Castelvetrano dagli alunni dei vari plessi dell’I.C. “Lombardo Radice Pappalardo”, che sono stati coinvolti in una singolare iniziativa: la conoscenza e l’adozione di alcune aree di verde pubblico del nostro paese. Nella giornata di mercoledì 21 novembre 2018, alunni delle quinte classi della Primaria e quelli delle prime classi della Secondaria, insieme ai loro docenti, si sono recati negli spazi verdi di Villa Regina Margherita, Parco delle Rimembranze e spazio antistante la Scuola Lombardo Radice, per effettuare delle battute fotografiche atte a recensire le specie arboree e floreali lì presenti, studiare i monumenti storico-artistici, oltre che ad evidenziare lo stato di degrado in cui versano tali aree. Preziosa è stata la collaborazione del circolo Legambiente Crimiso di Castelvetrano, presente nelle persone del Dott. Girolamo Di Bella e del Presidente, prof. G. Salluzzo, referente per l’Educazione Ambientale presso il suddetto Istituto.

Il lavoro proseguirà nelle classi interessate al progetto, che esporranno i risultati delle loro ricerche nella giornata deputata alla Festa di Primavera, durante la quale verranno realizzati dei percorsi guidati dagli stessi alunni alla riscoperta dei parchi urbani delle aree adottate.

“Questi piccoli gesti” afferma la Dirigente Scolastica Prof.ssa Maria Rosa Barone “sono importanti segni che la Scuola offre perché i ragazzi si riapproprino degli spazi verdi della città in un’ottica generale di impegno civile e di rispetto nei confronti della Natura e del nostro Paesaggio, spesso lasciato in condizioni pietose di abbandono e di degrado, e serviranno a lasciare nei giovani dei semi di buon senso civico e di responsabilità oltre che negli amministratori lo stimolo a operare per meglio tutelare il verde pubblico”.

Torna suTorna su